Smile

Qualità della vita, le 5 priorità da seguire

La vita è piena di piccole decisioni quotidiane, cosa mangiare per cena, andare o no in palestra, a che ora andare a dormire. Per quanto queste decisioni siano apparentemente di scarso peso, nel tempo influiscono seriamente sulla qualità della vita.

Srinivas Rao sostiene che si può vivere ed essere pienamente sé stessi, realmente produttivi,   solo quando si smette di cercare di “essere il migliore”.

In un articolo stimolante per The Mission, lo scrittore Srinivas Rao delinea ciò che considera essere 5 priorità che ogni persona dovrebbe tenere in considerazione per una vita felice. Quando queste cinque cose hanno la priorità, agiscono in modo positivo su tutti gli altri aspetti della vita, con conseguente miglioramento della salute, migliore concentrazione nello studio e sul lavoro e non per ultimo, un migliore approccio alle problematiche della vita quotidiana.

1. Mens sana

Il tuo stato mentale ha un impatto su tutto ciò che sta intorno, dal tuo lavoro alle relazioni e naturalmente incide sul benessere fisico. Circondati di persone positive, vivi le esperienze con curiosità e generosità, pratica la meditazione, ascolta musica e scopri nuovi generi, stabilisci una routine produttiva e riserva una parte per imparare e fare cose nuove. Trascorre del tempo all’aperto ha un incredibile effetto sull’umore e sulle capacità creative e nell’abilità di risolvere problemi.

2. In corpore sano

Di solito la salute è la prima cosa gente pensa per una vita di qualità, ma non significa solo fare attività fisica. Anche dormire bene e mangiare bene sono altrettanto importanti. Se la palestra non ti piace, Rao consiglia di avvicinarsi ad uno sport praticato all’aria aperta come il jogging o andare in bici. In alternativa, si possono praticare hobby dove il corpo è necessariamente in movimento come lo yoga o il giardinaggio. Più è interessante l’attività svolta, meno ne sentiremo il peso.

Leggi anche
Foliage mozzafiato in Utah, il video in 4K

3. Cibo per la mente

L’istruzione non dovrebbe fermarsi al titolo di studio, è un processo continuo. Grazie a Internet, oggi abbiamo un mondo di informazioni preziose a portata di mano, se sei sufficientemente determinato a cercarle. Libri, corsi e podcast sono tutti investimenti preziosi, a patto che non restino solo buone intenzioni. Imparare sempre cose nuove è il modo migliore per mantenere una mente giovane e vivace anche con il passare degli anni.

4. Crescita professionale

Se non tutto può essere imparato sui internet e sui libri, ma intendiamo comunque raggiungere i nostri obiettivi, non precludiamoci la possibilità di seguire dei corsi, dei seminari. Potresti dover cambiare i ritmi della giornata per seguirli o potrebbero richiedere uno sforzo economico,  tuttavia potresti benissimo imparare di più in un seminario di qualità di due giorni che in uno studio autonomo dispersivo di un mese. Essere in grado di poter cambiare i nostri orizzonti e anche solo adoperarsi per farlo, è quello che ci preserva da una vita senza stimoli che ci vede come spettatori e non come attori.

5. Il tuo ecosistema

La qualità dell’ambiente circostante influisce sulla salute mentale e sulla produttività. Cura della persona, organizzazione delle attività quotidiane fa molto per alimentare l’ispirazione. Se non sopporti la vita da pendolare, considera di cambiare casa o lavoro, anche se può significare ridimensionare abitudini e stili di vita, e se non riesci a modificare questa situazione, impegnati a rendere produttivo il tuo viaggio. Potresti andare in bici a lavoro oppure vivere in una casa più piccola fuori città: i ritmi serrati e la costante corsa verso gli impegni può renderci forzatamente energici e di buon umore, ma alla lunga, la frustrazione può prendere il sopravvento. Riserva sempre del tempo per ammirare un tramonto e, banalmente, per non fare assolutamente nulla. Se ti è possibile, evita le compagnie che compromettono il tuo umore e che, in poche parole, ti fanno stare male.

Leggi anche
La cultura dei Nativi Americani, un'eredità da riscoprire

Da adulti, c’è la tendenza a considerare concluso il periodo “formazione personale”, soprattutto se siamo concentrati a formare dei figli. In realtà, continuare a coltivare interessi e imparare nuove cose, ci mette in una relazione più stretta con chi sta crescendo e minimizza la tendenza a considerarsi oracoli, rigidi e per questo fragili.

Siete pronti ad adottare queste priorità? Iniziate oggi stesso e non ve ne pentirete.

Altro su Back to the Wild

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Selezionati da


I più