Beta vulgaris

Piante selvatiche – Bietola

Bietola
Beta vulgaris var. cicla

Famiglia: Chenopodiaceae
Nome volgare: Barbabietola
Pianta annuale o perenne

Benché la Bietola sia reperibile facilmente dall’ortolano o al mercato,  possiamo anche trovarla durante le nostre passeggiate nella natura, e di certo con più soddisfazione!

Alta circa 60 centimentri, con il fusto profondamente solcato, priva di peli o al più provvista di leggera pelura, è una frequentatrice di luoghi erbosi, freschi, ma non disdegna anche quelli sabbiosi. 

Fiorisce in estate su spighe spesso ricche di foglie con innumerevoli, piccoli fiori, bianco-verdastri.

Spesso coltivata in diverse varietà, è una pianta di facile riconoscimento, anche per i meno esperti, vista la somiglianza con gli esemplari da sempre esposti dagli ortolani.

Le foglie, di forma decisamente romboidale, hanno il solito punto di verde quasi lucido, su ambedue le pagine. 

Esistono diverse coltivazioni di Bietola, alcune piante sono coltivate per le foglie, altre per le radici commestibili da cuocere, altre ancora per la produzione di zucchero.

Più spesso reperibile in esemplari solitari che in folti gruppi, la Bietola si presta a mille usi in cucina, dal contorno per il maiale alle frittate, minestre di riso e come ripieno di ravioli.

Le foglie più giovani di Bietola sono piene di sapore e possono costituire  un’aggiunta deliziosa alle insalate, sia in termini di nutrizione che di sapore. Sono una buona fonte di fibre, potassio, ferro, vitamine A e C e altri minerali.

Leggi anche
Piante selvatiche - Bardana maggiore
Germogli di Bietola stufati in padella con olio, aglio e poco pomodoro

Proprietà naturali

Le Bietole contengono un'alta concentrazione di nitrati, che hanno l'effetto di abbassare la pressione sanguigna. Sono inoltre una buona fonte di fibre, che è benefica per la salute dell'apparato digerente, oltre a ridurre il rischio di una serie di disturbi cronici. Mangiare Bietole può migliorare le prestazioni atletiche migliorando l'utilizzo dell'ossigeno del nostro corpo. È dimostrato scientificamente il suo effetto antidiabetico, antinfiammatorio, antiossidante e antitumorale.

Altro su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Selezionati da

I più