Asfodelo

Piante selvatiche – Asfodelo

Asfodelo
Asphodelus ramosus

Famiglia: Liliacee
Nome volgare: Porraccio
Pianta perenne

È una bella pianta, che in primavera, quando è in fiore, può superare il metro d’altezza. Lo stelo è veramente robusto e fiorisce solo nella parte alta; le foglie, lunghe anche 80 cm, nascono tutte dalla base.

I tuberi sotterranei, in gruppi assai numerosi, sono marrone scuro all’esterno e arancione pallido all’interno e hanno una consistenza più o meno di una comune carota.

Amante dei terreni poveri e sfruttati, spesso presente in numerosi esemplari, è di facile ritrovamento nell’Italia meridionale, un po’ più rara da altre parti.

Il germoglio fresco dello stelo può essere consumato come un asparago, mentre i tuberi, lavati e sbucciati, potranno essere utilizzati come delle comuni patate. Confonderla con l’Asphodelus albus, molto simile ma con fioritura a pannocchia, senza diramazioni sullo stelo, non pregiudica niente essendo anch’esso commestibile nei tuberi.

I suoi fiori sono ricercati dalle api che ne ricavano un ottimo miele. Il miele di asfodelo è uno dei più rinomati in Sardegna, dal colore chiaro, trasparente e quasi incolore, che si produce tra marzo e aprile. Inoltre con le foglie dell’asfodelo, si intrecciano cesti sin dall’antichità.

Per Omero, l’asfodelo è la pianta degli Inferi. Per gli antichi Greci il regno dei morti era suddiviso in tre parti: il Tartaro per gli empi, i Campi Elisi per i buoni, ed infine i prati di asfodeli per quelli che in vita non erano stati né buoni né cattivi. Per tutte queste credenze, ed altre ancora, i Greci usavano piantare asfodeli sulle tombe, considerando i prati di asfodeli il soggiorno dei morti.

Leggi anche
Infuso freddo di fragola, cetriolo e basilico

Proprietà naturali

Utilizzata come topico emolliente, rinfrescante e decongestionante per le pelli irritate, per schiarire le efelidi, per gli eritemi e scottature solari. Impiegato anche come diuretico ed anticatarrale. Il carbone ottenuto dai fusti della pianta ha proprietà assorbenti utile nelle terapie tossicologiche.

Altro su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Selezionati da

I più