L'Arte di tornare alla Natura

L'Arte di tornare alla

Via Lattea

Spettacoli stellari nel cielo di settembre

Le giornate si accorciano per lo sconforto di molti, ma c’è qualcuno che non è così dispiaciuto. Gli osservatori del cielo, astronomi e semplici appassionati, avranno minuti in più per ammirare le notti di fine estate.

Dopo aver vissuto la spettacolare eclissi di luna di fine luglio, il mese di settembre ci regala altri appuntamenti. Venere si avvicina al sole è per questo diventerà ancora più luminoso, mentre i giganti gassosi e Saturno domineranno i cieli del sud e, per finire, vedremo sorgere Pegaso, una delle più grandi costellazioni sulle carte stellari. Quindi rispolvera binocoli e telescopi e preparati a esplorare la notte di settembre.

13 settembre – Luna accanto a Giove

Mentre cala la notte, guarda l’orizzonte verso sud-ovest per osservare la luna crescente alla quale si unirà il gigante gassoso, Giove. Entrambi i corpi celesti tramonteranno entro le 22.

17 settembre – la Luna si unisce a Saturno

La rappresentazione del cielo il 17 settembre 2018

Al crepuscolo, la luna crescente apparirà appollaiata sopra Saturno, riconoscibile dalle tonalità dorate, alto sopra il cielo meridionale. Gli astronomi dagli occhi acuti saranno anche in grado di scorgere il familiare schema di stelle noto come la Teiera, parte della costellazione del Sagittario, al di sotto della splendente coppia.

23 settembre – Equinozio d’Autunno

Alle ore 03:38 del giorno 23 termina l’estate astronomica e si entra ufficialmente in autunno. La parola “equinozio” deriva dal latino per “notte uguale” e si riferisce alla divisione uniforme tra la lunghezza del giorno e della notte che si verifica in questo particolare periodo dell’anno.

30 settembre – Pegaso

La costellazione del Pegaso che sorge a nord-ovest e poi domina il cielo a sud-est.

Guarda verso l’orizzonte nord-orientale in direzione della costellazione di Pegaso. È la settima più grande costellazione del firmamento ed è facile individuarla grazie a quattro stelle brillanti che delimitano il quadrato che forma il corpo del cavallo alato.

Dalla prospettiva terrestre, l’estensione di questa costellazione potrebbe contenere più di 30 lune piene una accanto all’altra. E mentre ogni stella che la delimita è solo moderatamente luminosa ad occhio nudo, sono relativamente facili da localizzare perché non ci sono molte stelle luminose in quest’area di cielo.

Non resta che augurarvi cieli sereni e buona visione!

Altro su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *