Sole mani

Conservare il sole per i mesi invernali

Secondo una ricerca finlandese, lasciarsi scaldare dal sole estivo può contribuire ad immagazzinare abbastanza vitamina D da permetterci di superare le grigie e fredde giornate invernali con uno sprint in più.

È certamente una ricerca che sta loro molto a cuore, visto la scarsa quantità di luce che in inverno raggiunge la Finlandia. Vediamo cosa hanno scoperto.

Un’adeguata riserva di vitamina D permette al corpo di mantenere livelli più alti di serotonina che, in questo modo, aiuta a scongiurare il disordine affettivo stagionale (SAD), anche nota come depressione invernale. È quello che hanno scoperto i ricercatori dell’Istituto nazionale di sanità pubblica dell’Università di Helsinki.

I ricercatori sapevano già che la depressione stagionale poteva essere trattata con l’esposizione alla luce solare (o a lampade specifiche), ma quello che è stato scoperto ora è che i benefici dei raggi solari possono essere conservati per quando ce n’è bisogno, ovvero per una giornata grigia o addirittura per l’intera stagione invernale.

L’umore è influenzato da una complessa rete di relazioni tra la luce solare, la melatonina (l’ormone del sonno) e la serotonina (l’ormone associato alla veglia e al buon umore), spiega WebMD.com.

I livelli di serotonina aumentano quando sei esposto a luce intensa – una delle ragioni principali per cui in estate il nostro umore è tendenzialmente migliore.

Leggi anche
10 piante per tornare a respirare

Questo ormone è la base dei farmaci antidepressivi di maggior successo, che agiscono aiutando la serotonina prodotta naturalmente a rimanere nel sangue più a lungo.

Il sole è parte della vostra dieta salutare!

Meglio la luce dei farmaci

È noto che la terapia con luce intensa produce benefici rapidi per le persone con depressione o SAD. Addirittura, alcuni ricercatori sono arrivati alla conclusione che la terapia della luce può aiutare ad alleviare i sintomi della SAD più velocemente rispetto ai farmaci antidepressivi.

Tuttavia, pochi medici avevano preso in considerazione la possibilità che l’esposizione alla luce solare in estate potesse influire su come ci si sente mesi dopo.

Il Dr. Tim Partonen e il suo team hanno scoperto che l’esposizione al sole durante l’estate forma una riserva di colecalciferolo che stimola la produzione di vitamina D durante i mesi invernali, il che porta a livelli più alti di serotonina per un periodo prolungato all’inverno.

Pertanto, la quantità di serotonina che hai in inverno è determinata dall’esposizione al sole durante l’estate precedente, sostiene Partonen.

Hai fatto il pieno di sole durante l’estate? Se non l’hai fatto, prendi in considerazione una dieta ricca di vitamina D e fai scorta di sole ogni volta che ne hai l’occasione!

Altro su Back to the Wild

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Selezionati da


I più